Contenuto pagina

Governance per contratto e regolazione transnazionale

Il progetto di ricerca, frutto della convenzione stipulata dalla SNA con il Robert Schuman Center for Advanced Studies dell’Istituto Universitario Europeo, nel cui ambito ha anche collaborato la Columbia Law School, si concentra sui diversi modelli di governo per contratto con forme di outsourcing concernenti sia la funzione regolativa che quella giurisdizionale al livello internazionale, con analisi dell’impatto sul piano nazionale. Ci si interroga, in particolare, sull’impatto che la trasformazione dei modelli di regolazione transnazionale ha sulle funzioni dello Stato, sul ruolo della pubblica amministrazione e sul rapporto tra potere esecutivo e giurisdizionale.

Il tema viene affrontato esaminando i potenziali trade-off tra efficienza e accountability, il rapporto di agenzia tra amministrazione delegante e privati delegati. La ricerca utilizza la comparazione, in particolare con la Gran Bretagna dove una riforma recente ha definito parametri generali in base ai quali l’esecutivo può delegare il potere regolamentare a terzi, al pubblico, al privato o una combinazione tra i due. Le modalità di attribuzione del potere di regolazione vengono valutate anche alla luce dell’analisi di impatto per verificare se gli attuali modelli impiegati consentono di considerare adeguatamente i costi e i benefici della delega e di altre forme di conferimento di potere di regolazione. 

La ricerca analizza i nuovi modelli di regolazione transnazionale i diversi campi, cha vanno dal commercio elettronico ai beni culturali, dall’ambiente agli standard tecnici di sicurezza alimentare, ecc. Poiché essi confermano l’esigenza di superare gli schemi convenzionali basati sulla centralità degli Stati regolatori, il loro consolidamento non assume la scomparsa dello Stato nazionale, ma ridefinizione del ruolo e degli strumenti di cui questo si avvale nell’interazione con i mercati globali e regionali.

Lo scopo del progetto di ricerca è quello di analizzare le diverse forme che la governance di tali processi assume e di comprendere i costi e benefici che la redistribuzione del potere di regolazione (derivante dal trasferimento di poteri dagli Stati nazionali a istituzioni internazionali e da soggetti pubblici a soggetti privati) comporta.

Nell’ambito del progetto, la SNA ha promosso, insieme ai Professori Fabrizio Cafaggi (Istituto Universitario Europeo - SNA) e Katharina Pistor (Columbia University), la Conferenza “Dividing the Transnational Regulatory Space: Towards an Agenda for Assessing the Distributional Effects of Different Modes of Regulation”; tale Conferenza si è tenuta il 30 settembre 2011 presso la Columbia Law School (New York).

Menu legale

©2013 Scuola Nazionale dell'Amministrazione