Menu sinistro
Contenuto pagina

Formazione per neodirigenti

Le rapide trasformazioni economico-sociali che hanno caratterizzato gli ultimi anni della storia italiana, rappresentate da fenomeni quali la globalizzazione dei mercati, l’innovazione tecnologica e delle telecomunicazioni e la crescente complessità della società, hanno imposto una radicale modernizzazione del sistema amministrativo italiano.

Un processo di riforma della pubblica amministrazione italiana di così vasta portata non poteva non essere sostenuto da una riforma del pubblico impiego, e in particolare della dirigenza pubblica, al fine di rinnovarla e riqualificarla, consentendole di poter assolvere adeguatamente il ruolo di particolare rilevanza e responsabilità che era chiamata a ricoprire.

Nell'ambito dei molteplici strumenti strategici messi in atto, assume grande rilievo il reclutamento e l’attività di formazione dei nuovi dirigenti pubblici, i quali, essendo i protagonisti dell’innovazione amministrativa, dovevano essere in grado di analizzare, comprendere e gestire i problemi e anche prendere decisioni operative e valutare il loro impatto.

Le disposizioni sull'accesso alla dirigenza pubblica, contenute nell’undefinedart.28 del D.lgs n. 165/2001 e nel undefinedD.P.R. n. 272/2004, così come modificate dal undefinedD.P.R. n. 70/2013, prevedono l’accesso alla qualifica di dirigente nelle amministrazioni statali, anche a ordinamento autonomo, e negli enti pubblici non economici mediante Opens internal link in current windowcorso-concorso selettivo di formazione bandito dalla Scuola Nazionale dell’Amministrazione, ovvero per concorso per esami indetto dalle singole amministrazioni.
I vincitori di questi concorsi indetti dalle amministrazioni, anteriormente al conferimento del primo incarico dirigenziale, frequentano un ciclo di attività formative organizzato dalla SNA.
Pertanto, in virtù di tali disposizioni normative, l'attività di formazione per i neodirigenti prevede, oltre al corso-concorso, i cicli di attività formative destinati ai dirigenti vincitori dei concorsi per esami banditi dalle pubbliche amministrazioni, la cui frequenza è obbligatoria e a tempo pieno.
Tali cicli formativi, di durata non superiore a 12 mesi, possono comprendere anche l’applicazione presso amministrazioni italiane e straniere, enti e organismi internazionali, istituti o aziende pubbliche o private, e possono svolgersi anche in collaborazione con istituti universitari italiani o stranieri, ovvero istituzioni formative pubbliche o private.
L’attività di formazione dei nuovi dirigenti pubblici è una formazione mirata alla costruzione di una dirigenza in grado di esprimere qualità manageriali di eccellenza, con una forte cultura del risultato e della responsabilità, capace di organizzare mezzi e risorse per il raggiungimento degli obiettivi istituzionali e innanzitutto quello di offrire ai cittadini servizi di elevato livello qualitativo.

Per informazioni su questa attività formativa:

Servizio Formazione 
Dirigente: Dott.ssa Raffaella Silvestri
e-mail: undefinedservizioformazione@sna.gov.it

Menu legale

©2013 Scuola Nazionale dell'Amministrazione